Tyler

Ralph W. Tyler (1902-1994) esperto delle politiche educative americane, offrendo un significativo contributo nel campo della valutazione dei sistemi educativi istituzionali. È stato membro di una serie di organismi statunitensi educativi deputati a stabilire le linee guida per la spesa dei fondi federali in relazione all’ordine della scuola elementare e secondaria del 1965; in quel periodo, infatti, ha presieduto il comitato da cui è sorto il National Assessment of Educational Progress (NAEP). Ha avuto il merito di aver coniato il termine “valutazione” associando il concetto di misura e test con quello di obiettivo formativo mediante una raccolta sistematica degli apprendimenti non soltanto con test ‘carta e matita’, ma anche ulteriori strumenti assimilabili al portfolio. Egli è stato l’ideatore del programma nazionale “Otto anni di studio” (1933-1941), che ha coinvolto 30 scuole secondarie e 300 enti tra college ed università, soggetti alla ristrettezza e rigidità nei programmi delle scuole superiori.

All’Università di Chicago, ha collaborato con Robert Maynard Hutchins dell’Ohio State University. Nel 1953, ed è divenuto il primo direttore del Center for Advanced Study di scienze comportamentali alla Stanford University, incarico che ha mantenuto fino al suo pensionamento nel 1967. Dieci anni dopo aver completato il suo lavoro con lo studio di ‘Otto anni’, Tyler ha formalizzato i suoi pensieri sulla visualizzazione, l’analisi e l’interpretazione del curriculum e il programma didattico di un istituto scolastico in ‘Principi di base di Curriculum e Istruzione’ (1949).

Questo contributo è stato un best-seller ristampato in 36 edizioni, per ideare programmi di studi e progettare percorsi didattici sino ai nostri giorni. Esso è strutturato in quattro parti:

  1. Definizione di obiettivi di apprendimento appropriati;
  2. Presentazione di esperienze di apprendimento utili;
  3. Organizzazione di esperienze per massimizzare il loro effetto;
  4. Valutazione del processo di revisione del progetto formativo ed individuazione delle aree poco efficaci.

In esso, Tyler descrive l’apprendimento attraverso l’azione dello studente, inteso come “quello che fa chi impara, non ciò che l’insegnante fa” (Tyler, p. 63). Lo stesso ha consigliato il presidente Truman sulla riforma del piano di studi presso le Accademie di servizio nel 1952 e, sotto Eisenhower, presieduto la Conferenza del Presidente sui bambini e la gioventù. L’Amministrazione Johnson ha utilizzato il suo consiglio per modellare molti dei suoi conti e programmi educativi. Infine, Tyler è stato nominato direttore e fondatore del Center for Advanced Study in Behavioral Sciences nel 1954. Il Centro è stato originariamente concepito come un progetto di cinque anni, ma in seguito divenne un’istituzione indipendente che avrebbe sostenuto oltre 2.000 scienziati e studiosi. In qualità di membro del consiglio di amministrazione, Tyler ha avuto il merito di interpretare un ruolo critico nel determinare il carattere del Centro come un nuovo tipo di istituto di istruzione.


 

Tra le sue opere più significative

International Honor Society in Education. Ralph W. Tyler 1976 KAPPA DELTA PI.
Jeri Ridings Nowakowski. On Educational Evaluation: A Conversation with Ralph Tyler Educational Leadership.
Tjerandsen, Carl; Chall, Malca (1987). “Educating America: How Ralph W. Tyler Taught America to Teach”. University of California. Greenwood Publishing Group.
Tjerandsen, Carl; Chall, Malca (1987). “Educating America: How Ralph W. Tyler Taught America to Teach”. University of California. Greenwood Publishing Group.: “he and Mother felt that they were probably worshipping Mammon rather than God, and prayed over it and finally decided he had to give up medicine it was too profitable and become a minister.”
Tjerandsen, Carl; Chall, Malca (1987). “Educating America: How Ralph W. Tyler Taught America to Teach”. University of California. Greenwood Publishing Group. p. 7: “In fact, at one point I was quite tempted when I was a senior in college to go to Rhodesia as a missionary, but decided not to. [Why?] Because I didn’t think that I could do enough. I hadn’t been trained as a minister. I was only trained in science and math and that’s what I was a teacher for.”
Tjerandsen & Malca (1987). p. 7
Tjerandsen, Carl; Chall, Malca (1987). “Educating America: How Ralph W. Tyler Taught America to Teach”. University of California. Greenwood Publishing Group. “Major Influences in Ralph Tyler’s Life and Career”. To the question “Has religion remained a potent force in your own life?”, Tyler replied: “Yes. If by the sense of religion you mean the view that the purpose of life is to help improve the nature of humankind and make them more and more civilized, that every individual is worth preserving as a person himself. Things of that sort which are part of the deep religious beliefs held by most of the modern religions Judaism, Christianity, the best of some of the other religions. The religious question is how to explain the world and what is the purpose of living?… I’m still a member of the First Congregational Church at Palo Alto, and I pay contributions to them, but I haven’t been there for a long time.