Novak

a cura di Alessandra Carenzio

Joseph D. Novak (1932) è Professore Emerito alla Cornell University, dove ha insegnato fino al 1995, e Ricercatore Senior presso l’Institute for Human and Machine Cognition (IHMC) della University of West Florida. Novak è noto al pubblico della didattica per le mappe concettuali, strumento di rappresentazione grafica delle conoscenze, e per gli studi sull’apprendimento condivisi nel 1977 nel famoso contributo A theory of education.

La riflessione sul perché alcuni studenti padroneggiassero alcune specifiche conoscenze e altri lo facessero con estrema difficoltà (soprattutto nelle discipline scientifiche) ha spinto Novak ad approfondire i diversi approcci al conoscere, proprio in una fase dominata dalla cornice concettuale del comportamentismo, che, come lo stesso autore ricorda, non consentiva al gruppo di ricerca di compiere grandi passi in avanti in quanto inadeguato alla loro visione. Gli studi di Ausubel, su cui si fonda il lavoro di Novak, non erano ancora completi, siamo negli anni ’50 dello scorso secolo e Novak avrebbe dovuto attendere ancora un decennio per approfondire il concetto di apprendimento significativo.

Novak infatti trae spunto dalla teoria dell’assimilazione, sviluppata nel 1963 da Ausubel, la cui novità stava nell’idea di un processo di apprendimento per cui i concetti incontrati dal soggetto si legano ad altre idee esistenti, implicando non solo uno sforzo di assimilazione, ma anche una maggiore rilevanza della nuova idea, che assume un significato grazie a quanto il soggetto conosce e padroneggia. Potremmo dire, si apprende grazie a quanto già si conosce. I benefici, quando l’apprendimento è significativo, sono di natura emotiva (perché aumenta la consapevolezza di poter padroneggiare non solo il contenuto, ma anche il processo di apprendimento stesso), cognitiva (perché i nuovi concetti permangono più a lungo, in quanto ancorati) e certamente pratica (perché quanto appreso ritorna ad essere utile per occasioni future di problem solving).

Questo dunque il sostrato teorico che illumina il contributo di Novak, la cui teoria sull’apprendimento è fondata su cinque aspetti chiave (“elements of education”): il soggetto che apprende, l’insegnante, la conoscenza, il contesto e la valutazione. L’apprendimento significativo, per Novak, sottosta all’integrazione costruttiva di pensiero, emozione e azione (le attività pratiche sono  fondamentali per imparare) per potenziare il coinvolgimento pieno e la responsabilità del soggetto.

Per illustrare il processo di apprendimento Novak introduce uno strumento didattico importante, ovvero le mappe concettuali. Le mappe concettuali, in quanto strumenti di rappresentazione grafica, mostrano il processo di integrazione dei concetti nella struttura cognitiva di chi apprende, con una importante notazione: le mappe non solo rappresentano questo processo, ma consentono allo studente (dalla scuola primaria fino ad abbracciare il comparto dell’educazione degli adulti) di capire egli stesso come imparare ad imparare.

Rispetto all’idea di mappa come “anticipatore” (ovvero quegli elementi, grafici e non, che illustrano un’idea iniziale di insieme di quanto si andrà a imparare), la mappa di Novak non è costruita solo da esperti, ma viene affidata alle mani degli studenti in chiave metacognitiva.

La creazione di mappe, dunque, è utile per lo studente, in quanto rappresentano graficamente i concetti associati ad uno specifico ambito di studio, favorendo una maggiore dimestichezza che può condurre ad un miglioramento nei risultati: la riuscita dipende molto dalle attese degli altri, ma anche da quello che di fatto pensiamo sia il nostro potenziale. E al contempo la mappa è funzionale anche in chiave di verifica degli apprendimenti e delle conoscenze pregresse del soggetto.

Proponiamo di seguito una mappa concettuale sul significato delle mappe, tratta dal sito nel quale è possibile scaricare il software gratuito per la creazione di mappe, sviluppato presso l’istituto nel quale Novak opera (http://cmap.ihmc.us). Le mappe di Novak, come si intuisce, non sono dunque un semplice strumento grafico.

Per un esempio di mappa si veda:
http://cmap.ihmc.us/Publications/ResearchPapers/TheoryCmaps/TheoryUnderlyingConceptMaps.htm


BIBLIOGRAFIA DI BASE

Novak J. D. (1977), A theory of education. Ithaca, N.Y.: Cornell University Press
Novak J. D. (1984), Learning How to Learn. With D.B. Gowin. Cambridge: Cambridge University Press
Novak J. D., J. Mintzes and J. Wandersee (1988), Teaching Science for Understanding, San Diego, CA: Academic Press
Novak J. D. (1998), Learning, Creating , and Using Knowledge: Concept maps as facilitative tools for schools and corporations. Mahwah, N.J.: Lawrence Erlbaum & Assoc.
Novak J. D., J. Mintzes and J. Wandersee (2000), Assessing Science Understanding. San Diego, CA: Academic Press.

Annunci